LA FUGA


ORARI SPETTACOLI:
mercoledì 13 ore 10.00 – 19.00 – 21.00




TRAMA:
Silvia ha undici anni e il desiderio di visitare Roma. Ma il viaggio da Pistoia, dove vive, è reso proibitivo dalle condizioni della madre Giulia, che affetta da grave depressione non riesce nemmeno ad alzarsi dal letto. Con il padre Pietro troppo distratto ed esasperato dalla malattia della moglie che non comprende fino in fondo, Silvia scappa con l'intenzione di visitare la città da sola. Sul treno incontra Emina, una ragazza rom, e decide di seguirla per le strade della capitale.

Primo film della regista Sandra Vannucchi, che attraverso la storia della piccola Silvia si lancia alla scoperta di una capitale diversa dal solito. Roma emerge di riflesso, dall'incontro tra la piccola provincia italiana ben schermata e le difficoltà della comunità rom cittadina.

Fotografata con consueta perizia da Vladan Radovic, la Roma de La Fuga è però inerte e inaccessibile, mettendo ai margini i personaggi come la città vera e propria fa con il popolo rom descritto nel film. Questo piccolo romanzo di formazione adolescenziale è didattico e convenzionale, e anche nel lodevole intento di trovare un angolo etnografico non va mai oltre il cliché. La diversità speculare di Silvia ed Emina (madre assente ma privilegio sociale da una parte, forte senso del familiare tra le ristrettezze dall'altra) non sarebbe una traccia pessima su cui costruire, ma la sceneggiatura la esaurisce quasi immediatamente esplicitando ogni tipo di sottotesto.

La recitazione è forse la nota più dolente, con effetto impietoso sul ritmo della storia. Ci vuole sempre un certo coraggio nell'affidarsi principalmente ad attori giovani come fa Vannucchi, specialmente in un film che insegue un certo naturalismo da strada. Ma per quanto meritorio sia il tentativo, le difficoltà dell'intero gruppo di ragazzi appaiono evidenti e uniformi al di là delle differenze culturali, di genere e di età che li caratterizzano, tra letture forzate, accenti ballerini e stonature nei tempi. Tra gli adulti, dispiace ancor di più che perfino due ottimi attori come Filippo Nigro e Donatella Finocchiaro, di cui va apprezzata la disponibilità a prender parte a un piccolo film di esordio, diano prove ampiamente al di sotto del loro livello abituale



Regia: Sandra Vannucchi
cast: Donatella Finocchiaro, Filippo Nigro, Lisa Ruth Andreozzi, Madellena Halilovic, Andrea Atzei
Genere: drammatico
Paese: Svizzera, Italia, 2017
durata 80 minuti
Uscita cinema giovedì 7 marzo 2019
distribuito da Lo Scrittoio




CINEMA









Informazioni e prenotazioni: Teatro Alkestis - Via Loru 31 Cagliari - tel. 070 306392 - info@teatroalkestis.it - www.teatro
All web site are ownership of the author. It's forbidden any use and changes without the authorization of the owner. All Abuses will be legally pursued.